facebook twitter youtube google linkedin blog goodreads
roy tarantino book
Roy Tarantino, un italo-americano di seconda generazione, è un fallito. Ha dovuto chiudere la sua attività economica, la moglie lo ha lasciato per un uomo molto più facoltoso e il giudice ha assegnato a lei, in affido unilaterale, il loro unico figlio. Per queste ragioni ha deciso di suicidarsi: si trova infatti al sesto piano, sul balcone della scala antincendio del suo appartamento in Mulberry Street, a Little Italy (New York) e sta per gettarsi nel vuoto. In quel preciso istante, un grido di donna acuto, lungo e agghiacciante, squarcia il velo della notte e lo paralizza. Roy resta bloccato in quella assurda posizione per alcuni minuti non sapendo cosa fare. A un tratto decide di rientrare e chiamare il 911, ma quando il turnista all’altro capo del telefono risponde, egli cambia di nuovo idea e si precipita giù dalle scale, attraversa la strada e riesce ad entrare nell’edificio dal quale proveniva il grido. Mors tua, vita mea: questa strana coincidenza trasformerà la sua vita fallimentare in un successo perché Roy, grazie alla tragedia che ha colpito quella povera donna, non solo ha avuto salva la vita, ma, nel prosieguo del libro, troverà inaspettatamente la sua strada, il suo talento, lo sbocco del suo più intimo destino: gli si apre infatti una carriera da detective. Roy Tarantino inizierà così ad indagare prima sullo stupro poi sull’omicidio di due amiche, Jessica e Laura, le quali, per via della loro innegabile somiglianza, sembrano essere state scambiate erroneamente dallo stupratore e dall'assassino. Dietro questi crimini, ecco fare la sua misteriosa comparsa il romanzo di Gustave Flaubert, Madame Bovary, che arricchisce la trama di spunti letterari in grado di gratificare il lettore più sofisticato. Il protagonista si scopre capace di risolvere il mistero grazie alle sue conoscenze di Letteratura e di Psicologia, materie e facoltà universitarie che ha frequentato da ragazzo per poi abbandonarle, senza laurearsi e quindi da sconfitto. Crimini a Little Italy si caratterizza per la intrigante architettura della trama e per il ritmo narrativo dinamico e piacevole, al pari di una Ferrari che corre su un’autostrada con l’acceleratore premuto fino in fondo. Una volta letto il prologo, il lettore non lo mollerà più e se lo leggerà tutto d’un fiato supplicando l’autore di scrivere al più presto la seconda indagine di Roy Tarantino.
Roy Tarantino
roy tarantino  
Le mie origini:
Anche se sono nato nella città della Grande Mela, il mio sangue non mente: entrambi i miei genitori erano italiani. Mio padre era della Puglia, non di Taranto come suggerisce il mio cognome, ma di Bari. Mia madre, invece, è nata e cresciuta a Firenze, e guai a te se l'hai chiamata mai "toscana" e non "fiorentina"! Sono emigrati a New York, nei primi anni Cinquanta, quando ancora non si conoscevano. Quando aveva vent'anni, mio padre ha lasciato l'Italia con il suo migliore amico, Gianni, e insieme hanno aperto un ristorante a Hester Street. Mia madre era poco più di una bambina quando è arrivata in America con i suoi genitori e con il loro sogno di aprire un negozio di tailleur/abiti personalizzati. I miei nonni materni si erano messi in testa che gli americani avrebbero pagato un occhio della testa per i loro abiti e per qualche tempo hanno fatto bene a crederci. Un giorno la famiglia andò a mangiare al ristorante di mio padre e fu qui che lui incontrò la ragazza che sarebbe diventata sua moglie e mia madre. Dopo averlo sposato, mia madre lasciò il negozio di vestiti dei genitori ed andò a lavorare al ristorante la cui attività andò a gonfie vele fino alla metà degli anni Novanta. Io ho anche lavorato lì per un po', aiutando a servire migliaia tra pranzi e cene, fino a quando i miei genitori, in tarda età, hanno deciso di chiudere l'attività. Entrambi sono morti nel 2004. Il mio papà è morto per un attacco di cuore e mia madre,che non era in grado di immaginare una vita diversa da quella che aveva vissuto con mio padre, è morta qualche mese dopo. Questo dimostra quanto i miei genitori si amassero.
ebook version paper version paper version shop
contacts   roy@roytarantino.com - danielebondi@roytarantino.com
       
       
member CWA   readers' favorite